Un fumettista, un astronauta e Rat-Man al Museo

Una barzelletta?
No un incontro serio. Io felice come una bimba, ho avuto modo di vedere su di un unico palco Leo Ortolani, l'autore di C'è spazio per tutti e papà di Rat-Man, e Paolo Nespoli, astronauta e protagonista del fumetto di Ortolani insieme a Rat-Man, e non su di un palco qualsiasi, quello dell'auditorium del Museo, praticamente casa.

Prima di salire sul palco i due protagonisti dell'incontro si concedono ai giornalisti, ai curiosi e ai fan sfegatati, il tutto nella suggestiva cornice della mostra dedicata a Marte in corso al Museo.

 


Immancabile la foto di gruppo con Direttore e Vice-presidente


e con la scusa: "una foto per il Museo" mi porto a casa questa, un grande grazie per l'infinita pazienza...


e poi via, fletto i muscoli e siamo in auditorium, ops nello spazio

prima i saluti istituzionali

e poi eccoli, pronti a parlare delle loro avventure spaziali e non




Inizia il racconto Paolo Nespoli che, commentando un video sulla missione VITA, l'ultima a cui ha partecipato, ci porta sulla ISS. Niente da dire: Paolo Nespoli si trova a suo agio tanto nello spazio quanto sul palco!


Le immagini sono mozzafiato e il racconto è appassionante e divertente. La semplicità con cui l'astronauta ci descrive le sue giornate sulla ISS fa sembrare normale un lavoro straordinario.



e poi è il momento di Leo Ortolani di portarci sulla sua ISS,  grazie al tour guidato di Rat-Man.



Io a Rat-Man non resisto: ho riso quando ho letto il fumetto la prima volta, ho riso la seconda e tutte le volte successive, ho riso anche in auditorium e rido ora che ci ripenso.



Altri momenti istituzionali come la consegna della maglietta museale che è stata sulla ISS con Nespoli e che ci ha riportato









e poi ancora tanti autografi e sorrisi, soprattutto il mio, ebete e felice.





Commenti

Post più popolari