venerdì 14 maggio 2010

L'album di Vienna continua...

Pin It
Ed ecco altre pagine che finalmente vanno a rimpinguare lo scarno album di Vienna.

Questa è dedicata al tour che ci ha fatto scarpinare in lungo e in largo all'interno del Ring. Avevo trovato su internet una interessantissima audioguida composta da tanti mp3 numerati e una pregevole cartina che ci ha permesso di seguire tappa per tappa tutto quello che c'è da conoscere di Vienna (storia usi e costumi).
E' una doppia pagina semplicissima: tante foto... visto che tanti sono i monumenti, parchi, edifici etc che abbiamo visto e conosciuto grazie ai file audio, e un po' di testo che ho scritto con il PC, ritagliato e incollato con il biadesivo spessorato sulle pagine. Il titolo l'ho ritagliato dalla gomma crepla nera con la bigshot usando l'alfabeto WET PAINT e SERIF ESSENTIAL della sizzix. I sottotitoli più piccini li ho timbrati con l'alfabeto clear stamps della Stampendous Small Typewriter.


Questa pagina invece è dedicata allo Strudel show a cui abbiamo assisitito a Schonbrunn. Il locale era semplicemente delizioso. Qui la pagina è un po' più elaborata: sempre tante foto (se le scatto poi le dovrò pure usare o no?) quelle di destra raccontano un po' la sala, mentre quelle a sinistra, racchiuse nella struttura "a cascata", sono un assaggio del passo passo per realizzare il vero dolce tipico austriaco. Il titolo l'ho ritagliato nel cartoncino con il Craftrobo (strudel nel cartoncino marrone, mentre show nel cartoncino neustro che ho poi colorato con un tamponcino). I bordi del cartoncino panna sono tagliati con un perforatore lineare fiskars che si chiama Bordi Hearts. Nel centro spunta un bel cestino pieno di mele (ingrediente principe dello strudel) che ho timbrato con il set Vintage Picnic Stamp Set  della Papertrey: il cestino l'ho stampato direttamente sul cartoncino marrone con un tampone impress ad asciugatura rapida marrone scuro. Le mele invece le ho stampate due volte sul cartoncino bianco, colorate, ritagliate e poi montate dietro al cestino: della seconda timbrata ho usato solo due mele ritagliate e posizionate nel centro dell'altra per aumentarne il volume.

E visto che ormai le pagine, per fortuna, aumentano di numero mi sono decisa anche a realizzare la struttura dell'album (in realtà era pronta da un po' ma non sapevo ancora come decorare la copertina) eccolo:

Le copertine dei miei album sono sempre super essenziali... questa mi sembra già troppo piena ma magari faccio ancora qualche aggiunta, tipo l'anno messo vicino alla lettera A... non so, ci devo ancora pensare un po'. Tutta fatta con la bigshot: ho ricoperto un pezzo di cartone da cartonaggio da 1,5 mm con del cartoncino marrone, quindi ho fustellato con la bigshot il titolo (sempre serif essential) e le cornicette (Frames, rivet combo che è una fustella della sizzix che non so se è ancora in produzione).

Piano piano l'album prende vita!


6 commenti:

  1. E' meraviglioso Annaelle!!!
    Splendido davvero!!
    Posso chiederti che font hai usato per la descrizione delle note??? E' carinissimo!!!

    RispondiElimina
  2. Il font che ho usato si chiama CK Journaling Condensed che ho però un po'schiacciato rispetto le proporzioni originali

    RispondiElimina
  3. Senza parole! Il tuo stile mi piace tantissimo! Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Davvero bello! sei bravissima! Corinna

    RispondiElimina
  5. Stupendo, mi piace questo stile pulito ed essenziale, ma comunque ricco di dettagli messi al posto giusto!!
    Bello bello!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...