mercoledì 22 giugno 2011

Cucinare per un concorso: che bello!

Pin It
Premessa: con questa ricetta partecipo al giveaway di "Arabafelice in cucina" e concorro per il termometro.

Ieri sera, dopo cena, a casa parlando con la mamma.

io con voglia di fare: "Mi preparo la pappa per domani: voglio provare a fare la ricetta Zucchini bites che ho visto sul blog Arabafelice in cucina, così partecipo anche al suo concorso..."

la mamma preoccupata che metta sotto-sopra la cucina: "va bene, ma è quella del dolce buono al cioccolato?" (CHOCOLATE BISCUIT CAKE DI ALE)

io con la bavetta mentre ripenso a quel dolce: "si, è lei"

Preparo gli ingredienti come da ricetta (ma cambiando un po' le proporzioni... quidi mi calcolo tutto l'occorrente per 3 uova): uova, farina, olio, lievito per torte salate, zucchine, carota, cipolla (sarebbe -ina ma non l'ho), formaggio grattuggiato

mamma curiosa: "ma cos'è? una frittata?"

io che mescolo le uova con farina, lievito e olio : "No, sul suo blog dice che è più simile ad una torta salata morbidissima"

mamma dubbiosa: "ma ci sono le uova... "

io che voglio bene alla mamma ma ogni tanto una battutina gliela piazzo mentre aggiungo le zucchine, carote, cipolla e formaggio: "anche nella torta margherita ci sono le uova ma non per questo la torta margherita è una frittata"


mamma che per lei stare in cucina vuol dire pulirla e non cucinare: "ma per fare la torta salata ti serve la pasta... ce l'hai la pasta? o la devi fare?"

io che le voglio sempre bene ma mi continuo a chiedere da chi ho preso la voglia di cucinare mentre fodero la tortiera (non l'ho rettangolare di quella misura ma mi faccio andare bene quella tonda) e verso l'impasto: "no, mamma, non serve, devo solo mettere insieme tutti gli ingredienti e mettere in forno, visto? già finito. Ora in forno!"

il forno faceva il suo lavoro e noi, dalla sala, sentivamo arrivare un profumino di per sè molto invitante ....
... e dopo 50 minuti abbondanti di forno... e averlo lasciato completamente raffreddare

 e qui, però, scatta un sacco di autocritica:
- modificare a sentore la dose di lievito forse, e dico forse (ma le foto lo gridano) ha fatto lievitare troppo l'impasto
- la mia paura di cuocerlo troppo me l'ha fatto togliere troppo presto dal forno e confrontando con l'originale la differenza si vede
- la poca compattezza sarà sempre dovuta al troppo lievito? bho... però quel pezzettino che ho assaggiato questa mattina perchè proprio non potevo resistere mi ha fatto dire che buono è buono accidenti!

Quindi, alla fine, basta autocritica e via di schiscetta per il pranzo di oggi:

la porzione "generosa" è nata con la scusa del "lo dovrò pur far assaggiare ai colleghi no?" ma sinceramente non so se riuscirò ad offrirlo!

4 commenti:

  1. Se l'hai trovato poco compatto allora doveva stare pochi minuti di piu' nel forno...ma insomma, sei stata severa con te stessa, a me sembra venuto benissimo!!!
    Grazie ed in bocca al lupo :-)

    RispondiElimina
  2. Grazie mille della dritta e riproverò sicuramente avendo meno paturnie di tenerlo troppo nel forno: è di una bontà incredibile e davvero veloce da preparare. E' un'ottima soluzione per il pranzo al lavoro dove non abbiamo modo di scaldare quello che portiamo da casa.

    RispondiElimina
  3. Beh alla fine ai colleghi li hai fatti assaggiare?? In bocca al lupo per il contest...anch'io partecipo con la stessa splendida ricetta!!!

    RispondiElimina
  4. @Artù: si hannoa ssaggiato e gradito... per fortuna erano solo due ahahahah.
    In bocca al lupo anche a te!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...