martedì 27 novembre 2012

Sperimentazione: giorno 0

Pin It
Per Natale voglio realizzare una ghirlanda da appendere sul balcone della camera della mia mamma. Sono anni che ne metto una sulla porta esterna del balcone dell'anticamera e, rispetto a questa nuova, è abbastanza protetta dagli agenti atmosferici. Da qui un dubbio: con quale materiale realizzo le decorazioni?
Dovranno resistere a pioggia, ghiaccio, neve e vento (manco fossero dei postini...). Quindi scatta l'ora della sperimentazione, anzi i giorni visto che mi sono data fino a domenica per testare questi prototipi
ve li presento, partendo dall'alto a sinistra:
- Stella di natale (nuova mascherina sizzix) realizzata con fiore più grande sotto con feltro da 3 mm, i due fiori incollati sopra con colla a caldo sono invece tagliati nel feltro da 2 mm;
- Cristallo di neve (vecchia mascherina sizzix) tagliato nel feltro sottile ma rigido;
- Omino di pan di zenzero in gomma crepla (nuova mascherina sizzix) con decorazioni sempre in gomma crepla incollate con colla a caldo
- Omino di pan di zenzero in feltro da 3 mm (sempre nuova mascherina sizzix) con decorazioni in liquid pearl

Approfittando del maltempo che imperversa anche sulla Lombardia (fortunatamente senza fare tutti i danni che invece si vedono nelle altre regioni) li tutti stesi sul balcone, pronti ad affrontare le interperie di questi giorni.

In realtà l'omino in feltro è stato messo un paio d'ore dopo rispetto alle altre decorazioni... ho dovuto aspettare che il liquid pearl solidificasse per bene.
Così è ufficialmente partita la mia personale sperimentazione sul miglior materiale da utilizzare per le decorazioni, vedremo quali saranno i risultati.

10 commenti:

  1. Ad istinto io sceglierei la crepla, ma attendo curiosa il tuo responso futuro.

    RispondiElimina
  2. ...Mi piace come hai affrontato questo test, mi raccomando documenta tutto...servirà per noi povere mortali per l'anno prossimo....per te non fa stato...infatti, quando vorrai mettere la ghirlanda a mamma tua? dopo l'8 dicembre?...i tuoi "postini" avranno finito la loro impresa...ma la ghirlanda passerà alla neve...adesso acqua e freddo...poi la neve...spero di essermi spiegata...continua cosi che io ti seguo...e se posso commento..
    Un abbraccio
    Anto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Metodo empirico, non per nulla lavoro al museo della scienza e della tecnologia! Per tradizione, a casa mia, le decorazioni si mettono tra il 7 e l'8 dicembre... vedrò come fare visto che sarò all'artigiano in fiera. So che le decorazioni dovranno affrontare climi ben più rigidi di quelli che si sperimentano in questi giorni ma almeno mi consentirà di scartare qualcosa che già in queste condizioni non resiste.

      Elimina
  3. ..IO ne ho fatte un pò in gomma crepla..mi sembrava il materiale giusto ..ho solo qualche dubbio sulla colla a caldo, che spesso quando fa molto freddo tende a staccarsi (esperienza fatta ai mercatini) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, grazie di avermelo segnalato! Vorrà dire che oggi aggiungerò alla sperimentazione anche una decorazione incollata con la colla gel.

      Elimina
  4. i tuoi bellissimi fiocchi di neve sono già sull'albero!
    baci sandra frollini

    RispondiElimina
  5. ah ah ah e poi dici quella pazza sono io... chissà cosa pensano i tuoi vini a vedere appeso l'omino fuori dal balcone!!! :-P niky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la fortuna di non avere vicini vicini... ma i passanti saranno sicuramente incuriositi anche se, mi sa, sono abbastanza abituati alle mie follie. E buon viaggio cara!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...